La purezza: una delle 4C della valutazione di un diamante

Il grado di purezza di un diamante è determinato dal numero, dalla posizione e dalle dimensioni delle inclusioni in esso presenti ed è un elemento fondamentale per effettuare una corretta valutazione di un diamante.

Acquisto Diamanti

Nel corso del processo naturale di formazione di un diamante, vari elementi possono originare e condizionare la presenza di inclusioni, deformazioni o graffi invisibili ad occhio nudo, quali pressione, temperatura e tempi di raffreddamento: tutti elementi che influiranno inevitabilmente sulla quotazione del valore del diamante.

Eventuali graffi presenti in superficie possono essere originati anche durante le operazioni di taglio.

La purezza di un diamante è classificata secondo una scala internazionale creata nel 1920 dal GIA (Gemological Institute of America) che varia dalla categoria “flawless” (diamante perfetto, privo di inclusioni) a “included” (diamante con inclusioni visibili ad occhio nudo).

I gradi di purezza, secondo la scala GIA, sono i seguenti:

  • FL (Flawless): perfetto, privo di inclusioni (quasi introvabile).
  • IF (Internally Flawless): privo di imperfezioni al suo interno (estremamente raro).
  • VVS (Very Very Slightly Included): inclusioni difficilmente visibili al microscopio. Questa categoria viene a sua volta suddivisa in due sottolivelli: VVS1 e VVS2.
  • VS (Very Slightly Included): imperfezioni più marcate, visibili al microscopio, ma che non pregiudicano l’aspetto del diamante ad occhio nudo. Questa categoria viene a sua volta suddivisa in due sottolivelli: VS1 e VS2.
  • SI (Slightly included): imperfezioni facili da individuare al microscopio e talvolta visibili anche ad occhio nudo. Questa categoria viene a sua volta suddivisa in due sottolivelli: SI1 e SI2.
  • I (Included): imperfezioni visibili ad occhio nudo che, nei casi più gravi, danneggiano la trasparenza del diamante.

 

Ogni diamante può avere tipologie diverse di inclusioni:

  • Sfaldature (cleavages)
  • Fratture (fractures)
  • Inclusioni cristalline
  • Nuvole (clouds)
  • Cavità (cavities)
  • Piume (feathers)

La valutazione della purezza di un diamante avviene tramite l’osservazione con un microscopio a 10 ingrandimenti e deve essere sempre effettuata da personale esperto e competente, in grado di adoperare le più moderne attrezzature. Per la vendita di un diamante è importante avvalersi di un servizio di “compro diamanti” qualificato e con molta esperienza.



CHIUDI
CHIUDI

Chiama ora